Le “Ali di cera” di Luisa Cirimbilli

Psicologia dello sport e non solo, di Matteo Simone
18 Giugno 2017
Psicologia dell’immersione, Corso introduttivo per istruttori e professionisti della subacquea di Diego Polani
18 Giugno 2017

Le “Ali di cera” di Luisa Cirimbilli

Il titolo Ali di Cera non è affatto casuale: il parallelo con Icaro calza a pennello in quanto, in entrambi i casi, si ha a che fare con il tentativo dell’uomo di spingersi, con ogni mezzo, anche non lecito, al di là dei propri limiti.
Il doping, come le Ali di cera di Icaro, però è un tentativo azzardato e, come nel mito greco, rischia di essere una soluzione, oltre che illusoria, addirittura pericolosa.
Il testo ha come obiettivo quello di analizzare a fondo la tematica della motivazione: da questa spinta interna, infatti, nasce ogni azione dell’uomo.
Analizzando tale aspetto si può giungere al nucleo dell’azione che, poi, si vede riflessa in campo sportivo; allo stesso tempo però si è voluto analizzare quel confine, alquanto labile, che separa la motivazione dall’illecito.
Per fare ciò la ricerca è andata ad analizzare quelle variabili che potrebbero influenzare il soggetto che, in particolari situazioni, può essere spinto ad addentrarsi nell’ambito di quello che possiamo definire illecito sportivo. Come esempio di questo specifico ambito il tema che è stato approfondito è quello del doping.
Spesso questa tematica è affrontata dall’opinione pubblica con superficialità: è sembrato quindi giusto analizzare tale evento che tanto spesso si associa al calcio, ma che inaspettatamente riguarda, senza che ci si renda conto di ciò, tutti noi.
L’ultimo capitolo, invece, propone una ricerca qualitativa basata su una serie di interviste somministrate ad una ventina di calciatori professionisti militanti in serie A e serie B.
Gli obiettivi di tale indagine erano: quello di capire quanto pesasse sul risultato sportivo l’aspetto mentale e motivazionale e quanto i diretti interessati fossero a conoscenza della tematica del doping.

Acquista il libro online